Skip to content

53. Coppa Selva di Fasano al via

Fasano, 18 maggio 2009

Fasano-Selva, un fascino che cattura.

Ha superato i sessant’anni, correndo veloce lungo le strade della Selva. E’ la Coppa Selva di Fasano, manifestazione avvertibile quasi come una presenza fisica, data la passione che non risparmia nessuno degli abitanti della zona. E’ nata nel 1946 ad opera di Francesco Chieco, “inventore” del G.P. di Bari di Formula 1, e Ciccio Apruzzi, noto pilota di quel periodo. Il successo di questa gara incominciò allora, con 30 iscritti e il napoletano Sabatino Paganelli primo vincitore, su Fiat 1100 Sport.

Con quella in arrivo dal 4 al 6 giugno, la Fasano-Selva conta 53 edizioni. A esaltare le migliaia di appassionati, disseminati lungo i 5600 metri del percorso, sono oggi le Monoposto, i Prototipi, le Gran Turismo, senza contare le vetture elaborate di tutte le categorie. La corsa fasanese, che l’anno scorso ha registrato 262 iscritti, è la 4. delle 12 prove del Campionato Italiano Velocità Montagna, un “must” per i piloti delle cronoscalate.

Campioni da cronoscalata.

Quello delle gare in salita è un mondo tutto particolare, nell’olimpo del Motorsport. In queste gare hanno corso piloti di grande fama, come Niki Lauda che proprio in una gara in salita ebbe il suo debutto. Tra gli attuali campioni, leader è attualmente il fiorentino Simone Faggioli, in testa alla classifica provvisoria del CIVM su Osella FA30. A Fasano è quindi attesa la sfida alla conquista del Tricolore salite, tra Faggioli e il suo conterraneo Michele Camarlinghi (Osella PA 30 Zytek), che occupa la seconda posizione dopo le prime due gare fin qui svolte.

La fabbrica delle corse.

Ad allestire la manifestazione ci pensa oggi la Egnathia Corse, diretta da una donna infaticabile come Laura De Mola, in sinergia con la Fasano Corse. Un’organizzazione di 300 persone, tra commissari di percorso, addetti alla sicurezza e personale di servizio, metterà in scena due intense giornate, a partire dalle prove del sabato. Il percorso è quello tradizionale di 5600 metri, che collega la periferia di Fasano con l’omonima Selva, località collinare che da sempre è una delle mete turistiche più frequentate, in questa parte del territorio pugliese. Il dislivello da superare è di poco più di 300 metri, fino a raggiungere quota 430, sulla sommità di Selva di Fasano.

Il percorso prevede due chicane artificiali, poste per aumentare gli standard di sicurezza: la loro posizione è lungo il curvone della Madonnina, nella parte bassa del percorso, e lungo il tratto più ripido che collega le famose curve della Juppa e della Juppitella. Il tracciato va ripetuto due volte, con classifica per somma dei tempi. Lo spettacolo impegnerà l’intera giornata, con il via della prima manche alle 9:30 di domenica 6 giugno,. La viabilità per la Selva è garantita dalla strada delle Giritore, percorso alternativo che dal parco dello Zoosafari porta alla sommità della collina.

Un ricco cartellone, anche in TV.

Spettacolo a parte della 53. Fasano-Selva saranno la madrina Belen Rodriguez e gli attori-piloti che anche quest’anno scenderanno in gara, al volante delle sei Volkswagen Fun Cup predisposte dall’organizzazione. Tra i protagonisti vi saranno Stefano Masciarelli e Flavio Montrucchio, reduci dalla serie televisiva donna detective. Altri Vip sono al momento in contatto con la Egnathia Corse, che a breve renderà noti i restanti nomi. Il tutto, ancora una volta, sarà visibile in TV, grazie alla diretta che Viva l’Italia Channel trasmetterà dal canale satellitare Sky 830. Il commento sarà di Lorenzo Tinozzi, coadiuvato dal pilota David Baldi, Campione uscente del CIVM 2009.

Ufficio Stampa by Press.net – info@press-net.it